L’epopea italica in un sorprendente romanzo storico che è già un caso letterario

Sabato 2 marzo nella libreria Giunti al Punto di Isernia_ore 18.00_centro commerciale “In Piazza” l’autore Nicola Mastronardi incontra i lettori, che diventano protagonisti

È il primo Romanzo Storico che svela la straordinaria epopea italica a livello nazionale e che in Molise, terra d’origine dello scrittore Nicola Mastronardi (53 anni, per metà molisano e per metà abruzzese, sua nonna andava a scuola con Ignazio Silone), è già diventato un caso letterario, conquistando il pubblico dei lettori. “Viteliú – Il nome della Libertà” (dal termine osco antico ed originario della parola latina “Italia” la cui pronuncia è “VITELIO”, edito da Itaca Edizioni, 448 pag.), che restituisce ai popoli italici il posto che spetta loro di diritto nella storia antica, ha registrato un “boom” di vendite in tutta la regione e ricevuto attestati di stima dappertutto.

Sabato 2 marzo, sarà presentato al pubblico dei lettori, che diventano con i Sanniti, i Marsi, i Piceni, i Peligni e i popoli italici, i protagonisti del romanzo, scoprendone retroscena, personaggi, vicende inedite sconosciute ai più. L’appuntamento, a cui sarà presente anche l’autore, è alle 18.00 nella libreria Giunti al Punto di Isernia, all’ interno del centro commerciale “In Piazza”.

“Al di là delle qualità letterarie, che altri giudicheranno – ha commentato il professore Adriano La Regina, il più profondo conoscitore del mondo italico –  questo è un libro importante perché dà l’occasione a un vasto pubblico di conoscere un periodo storico poco considerato, direi negletto, dalla cultura generale del nostro Paese e che invece fu fondamentale per la nascita del concetto, bellissimo, di Italia che affonda le radici proprio in quel momento fortemente rappresentativo della nostra identità nazionale”.

Partecipa all’ EVENTO su Facebook

I commenti dei lettori:

Giuseppe Lanese (giornalista): “Romanzo “evocativo”. Un viaggio affascinante, fuori e dentro le radici di un popolo”.

Angelo Ferrari (Roma) “Un libro storicamente valido e allo stesso tempo accattivante. Il racconto trasporta il lettore in un mondo antico, millenario eppure fortemente attuale”.

Lino Sabelli: “Lo aspettavo da sempre. Viteliù fa capire a tanti che la storia in Italia non è solo Roma e che non tutte le “pietre antiche” sono ricordi di quella civiltà”.

Le nuove date del tour di Viteliu:

16 marzo, Castel di Sangro, lo spettacolo di Viteliu al Teatro comunale, con gli attori Giorgio Careccia, Barbara Petti, Luca Cataldi e la partecipazione del pianista Simone Sala
17 marzo, Cerro al Volturno

23 marzo, libreria Mondadori, Pescara

25 marzo, Roma, ospiti del Campidoglio, Roma Capitale

6 aprile, Avezzano, sala consiliare del Comune

Altre date work in progress a Firenze, Napoli e in altre città italiane.

Locandina Isernia_Giunti al Punto

Immagine

Le emozioni e la storia di Viteliú conquistano il pubblico

DSCF0052_pic (1)

Aumenta il pubblico dei lettori del romanzo storico “Viteliú – Il nome della Libertà” dello scrittore Nicola Mastronardi, che in Molise è già diventato un caso letterario. E’, a questo punto,  il libro più venduto negli ultimi due mesi. Il passaparola, lo strumento più efficace per la diffusione di un prodotto, sta montando ovunque il libro sia stato presentato, decretandone il successo. Nella libreria Giunti al Punto di Campobasso, solo durante la serata di presentazione di sabato scorso, sono state vendute poco meno di trenta copie del volume che restituisce ai popoli Italici, Sanniti e Marsi in testa, il posto che spetta loro di diritto tra le pagine della storia antica. In dieci giorni, da quando il libro ha fatto il suo esordio alla “Giunti” ne sono state acquistate almeno cinquanta e l’interesse resta costante anche nelle altre librerie e città della regione. Un successo determinato dai lettori e dalla partecipazione emotiva di un audience qualificata di persone curiose e sorprese verso una storia che appassiona e un retroscena culturale, fino ad oggi sconosciuto ai più. Le origini dell’Italia come nazione federata (nata dall’unione di dodici popoli, tra cui Marsi, Peligni e Sanniti, per salvaguardare l’indipendenza del loro destino, Viteliú è il termine osco originario della parola latina Italia), attraverso un intreccio narrativo coinvolgente, ricco di colpi di scena e di personaggi che si svelano diventando protagonisti di vicende inattese, tornano allo scoperto con nuove consapevolezze, che affascinano non solo i molisani, ma gente dalle radici più disparate, di ogni angolo della penisola. Tanti i commenti e gli attestati di stima che giungono dai lettori sul blog dedicato al romanzo storico (viteliu.wordpress.com) e che dimostrano come Mastronardi abbia colmato una lacuna storico-letteraria, potenzialmente capace di meravigliare ed emozionare il grande pubblico italiano. Posto che il libro venga conosciuto. Dopo le tappe di Ascoli Piceno, Roma, Campobasso e altre città italiane, che hanno riservato attenzioni da parte di varie trasmissioni della Rai, di media nazionali e locali, Viteliú si prepara a conoscere i lettori di Firenze, Napoli, Pescara e di tutto l’Abruzzo. Nuove presentazioni sono work in progress, ad Avezzano e Pescara, ad esempio, con l’obiettivo di coinvolgere associazioni culturali, archeologiche e storiche dei luoghi di Viteliú ed esponenti del territorio, per raccontare l’intrigante, emozionante e sorprendentemente epico periodo della storia italica che fondò la nostra Nazione.

Immagine

Immagine

Immagine

Il prossimo appuntamento è nella libreria Giunti al Punto di Isernia, nel centro commerciale “In Piazza”.

Alla scoperta di un libro che è già un successo

Sabato 16 febbraio (ore 18.00), l’autore Nicola Mastronardi incontra i lettori nella libreria Giunti al Punto di Campobasso, con l’attore Giorgio Careccia e il giornalista Nicola Dell’Omo.

Ha fatto breccia nel pubblico dei lettori molisani, il romanzo storico Viteliú – II nome della Libertà (edito da Itaca Edizioni) dello scrittore e giornalista Nicola Mastronardi. Solo a Campobasso il libro, che restituisce ai popoli italici il posto che spetta loro di diritto nella storia antica, si vende a ritmo di 15-20 copie a settimana, ininterrottamente dal 15 dicembre. Sabato sarà presentato nella libreria  “Giunti al Punto” della città (all’interno del centro commerciale Il Centro del Molise, primo piano) alle 18.00, con il giornalista Nicola Dell’Omo e il volto molisano del cinema Giorgio Careccia che ne reciterà alcuni brani. Ed è già un successo, per il rivoluzionario romanzo storico che sta facendo parlare di sé in tutto lo Stivale, d’altronde “Viteliú è il termine osco antico ed originario della parola latina “Italia”.

“Ero intimorita dalla consistenza del volume – ha detto la giornalista del Tg1, Manuela Lucchini, durante l’evento di presentazione a Roma del 28 gennaio – e invece, leggendo, mi sono trovata di fronte un libro meraviglioso, scritto molto bene, che si legge d’un fiato e che mi ha fatto appassionare ad una storia che non conoscevo.”

“Al di là delle qualità letterarie, che altri giudicheranno – ha commentato il professore Adriano La Regina, il più profondo conoscitore del mondo italico, durante la recente serata romana –  questo è un libro importante perché dà l’occasione a un vasto pubblico di conoscere un periodo storico poco considerato, direi negletto, dalla cultura generale del nostro Paese e che invece fu fondamentale per la nascita del concetto, bellissimo, di Italia che affonda le radici proprio in quel momento fortemente rappresentativo della nostra identità nazionale”.

Solo due tra i più autorevoli giudizi positivi ai quali si aggiungono quotidianamente sul web  quello dei numerosissimi lettori, di Abruzzo e Molise , ma anche da Roma, Firenze, Rimini e Napoli,  che si dicono entusiasti del volume.

Un appuntamento da non perdere, dunque, quello di sabato pomeriggio, nella libreria Giunti al Punto di Campobasso, per vivere un viaggio “diverso” tra i territori dell’Alto Sannio, la Marsica, la Conca Peligna: un’avventura emotiva nella storia e nell’identità scomparsa dei Sanniti e dei dodici popoli italici che, insieme, tentarono di conquistare l’anelata indipendenza dalla cieca arroganza della fazione romana conservatrice.  Una storia che appassiona, commuove e coinvolge. E che cambierà, nei molisani, la percezione del territorio che abitano.

 

 Scrivono i lettori (dal Blog di Viteliu: https://viteliu.wordpress.com)

Angelo Ferrari da Roma: “A Mastronardi resterà sempre il merito di essere stato il primo autore ad aver preso per mano l’antica storia di un popolo, dimenticato dai più, e di averla traghettata oltre l’oblio, riallacciandola alla continuità delle vicende umane”. 

Irene Ragusa: “Non riesco ad elencare tutte le volte che mi sono emozionata, che mi sono commossa, che ho tremato e gioito insieme ai protagonisti di questa meravigliosa storia”.

Danilo Di Nucci: “Non importa l’età, il sesso, l’estrazione sociale o l’abitudine alla lettura: Viteliù colpisce, senza neanche andarci troppo per il sottile, il cuore delle persone e dopo pochissime pagine ci si sente rapiti da quella che inizia come una storia di Roma e si trasforma ben presto in un viaggio nel cuore del Sannio antico”.

Un lettore di Rimini: “Guerra, onore, storia, libertà. Da lettere. Complimenti a Nicola Mastronardi per il libro che ha scritto. Divorato in pochi giorni, una storia alta, entrata per sempre nel mio cuore”.

Partecipa all’EVENTO di Campobasso su Facebook 

Segui Viteliu su Facebook: www.facebook.com/ViteliuIlNomedellaLiberta

 

La libreria Giunti al Punto di Campobasso presenta il primo romanzo storico sull’epopea italica

Viteliú – Il nome della Libertà

 Sabato 16 febbraio (ore 18.00), l’autore Nicola Mastronardi incontra il pubblico, con l’attore Giorgio Careccia.

Lo straordinario tour del romanzo storico di Nicola Mastronardi , “Viteliú – Il nome della Libertà”, approda nelle librerie Giunti al Punto. L’esordio sarà sabato 16 febbraio, alle 18.00, nella libreria del centro commerciale “Il Centro del Molise” di Campobasso.

L’autore incontrerà il pubblico dei lettori, accompagnato dal volto molisano del cinema, Giorgio Careccia, che interpreterà alcuni brani del “rivoluzionario” romanzo che restituisce alla storia antica il tassello mancante, oscurato dalla cultura generale del Novecento. Viteliú è il termine osco antico e originario della parola latina “Italia”. E sono proprio i popoli italici, i Sanniti, i Marsi, i Peligni, i Piceni, i Lucani, i protagonisti del volume di Mastronardi, coloro che nel periodo della Guerra Sociale (91 a. C.) si unirono per conquistare l’anelata indipendenza contro la cieca prepotenza della fazione romana conservatrice. Edito da Itaca Edizioni (in 448 pagine) il romanzo storico nasce da un’intensa documentazione dell’autore durata almeno nove anni. Un viaggio entusiasmante tra le valli e i monti dell’Alto Molise, la Marsica, la Conca Peligna, conduce i personaggi principali del romanzo storico, l’embratur sannita Gavio Papio Mutilo e il nipote Marzio, a riscattare la memoria di grandi popoli la cui storia è rimasta perduta nei secoli. Così il lettore prova la sensazione di vivere un’avventura emotiva nella sua terra e nella sua storia, dalla quale si scopre l’essenza dell’identità scomparsa, che torna alla luce.

Scrivono i lettori:

Angelo Ferrari da Roma: “A Mastronardi resterà sempre il merito di essere stato il primo autore ad aver preso per mano l’antica storia di un popolo, dimenticato dai più, e di averla traghettata oltre l’oblio, riallacciandola alla continuità delle vicende umane”. 

Irene Ragusa: “Non riesco ad elencare tutte le volte che mi sono emozionata, che mi sono commossa, che ho tremato e gioito insieme ai protagonisti di questa meravigliosa storia”.

Danilo Di Nucci da Agnone (IS): “Non importa l’età, il sesso, l’estrazione sociale o l’abitudine alla lettura: Viteliù colpisce, senza neanche andarci troppo per il sottile, il cuore delle persone e dopo pochissime pagine ci si sente rapiti da quella che inizia come una storia di Roma e si trasforma ben presto in un viaggio nel cuore del Sannio antico”.

Un lettore di Rimini: “Guerra, onore, storia, libertà. Da lettere. Complimenti a Nicola Mastronardi per il libro che ha scritto. Divorato in pochi giorni, una storia alta, entrata per sempre nel mio cuore”.

Partecipa e diffondi l’EVENTO su Facebook

Segui il Blog di Viteliu e invia i tuoi commenti: https://viteliu.wordpress.com/

Segui Viteliu su Facebook: http://www.facebook.com/ViteliuIlNomedellaLiberta

La Casa Editrice: www.itacaedizioni.it

Come raggiungere la libreria Giunti al Punto

Immagine

Nella foto, l’attore Giorgio Careccia