Incontro con l’autore di “Viteliú – Il nome della Libertà”, Nicola Mastronardi

Biblioteca Comunale Michele Romano, Isernia

Venerdì 1 febbraio 2013, Sala della Biblioteca, Piazza S. Maria 5, ore 17.00.

 A presentare il volume, Fabio Serricchio dell’Università degli Studi del Molise e l’archeologo dell’ associazione “Isernia tra Archeologia e Cultura”, Luca Inno.  Moderatore dell’incontro sarà il direttore della biblioteca comu­nale, Gabriele Venditti.

Viteliú, dal termine osco antico e originario della parola latina “Italia”, è un viaggio nel mondo nascosto dei popoli italici. È il primo vero romanzo storico sull’epopea italica a livello nazionale, che rivela al grande pubblico le origini di una nazione e recupera il tassello mancante della storia antica, oscurato dalla cultura generale del Novecento. I protagonisti sono i Sanniti, i Marsi, i Peligni, i Piceni, i valorosi dodici popoli dell’Appennino centrale che si unirono per combattere contro la cieca prepotenza della Roma conservatrice. Edito da Itaca Edizioni, il romanzo storico nasce da un’intensa documentazione dell’autore durata almeno nove anni. Un viaggio entusiasmante tra le valli e i monti dell’Alto Molise, la Marsica, la Conca Peligna, conduce i personaggi principali del romanzo storico, l’embratur sannita Gavio Papio Mutilo e il nipote Marzio, a riscattare la memoria di grandi popoli la cui storia è rimasta perduta nei secoli. Così il lettore prova la sensazione di vivere un’avventura emotiva nella sua terra e nella sua storia, dalla quale si scopre l’essenza dell’identità scomparsa, che torna alla luce.

I commenti dei lettori:

Antonio:  Un romanzo straordinario, dove il racconto si fa storia e l’uno e l’altra incantano, si fondono in una armonia di immagini, suoni, silenzi”

Rosa Alba“Meraviglioso, emozionante, avvincente, incantevole e poetico…l’ho dovuto leggere tutto d’un fiato perché non riuscivo a separarmene”.

Lettore di Rimini“Guerra, onore, storia, libertà. Da leggere. Complimenti a Nicola Mastronardi per il libro che ha scritto. Divorato in pochi giorni, una storia alta, entrata per sempre nel mio cuore. Grazie”.

Segui l’EVENTO su Facebook

Segui Viteliu su Facebook: www.facebook.com/ViteliuIlNomedellaLiberta

La Casa Editrice: www.itacaedizioni.it

Il Tour di Viteliu continua…

28 gennaio 2013, ROMA, Reale Circolo canottieri Tevere Remo, presenta la giornalista del Tg1, Manuela Lucchini, con Luca Mancini, regista de La Storia Siamo Noi.  Relazione storica del Prof. Adriano La Regina.

1 febbraio 2013, Isernia, Biblioteca Comunale Romano, ore 17.00

16 febbraio 2013, Libreria Giunti al Punto, Campobasso, (all’interno del centro commerciale Il Centro del Molise), ore 18.00

27 febbraio 2013, azienda La Molisana

A febbraio, librerie della catena Giunti di Marche, Abruzzo e Molise

25 Marzo 2013,  ROMA, ospiti del CAMPIDOGLIO, Fondazione Civita, Piazza Venezia 11. Un’altra data romana sarà in collaborazione con l’associazione Forche Caudine.

Altre presentazioni sono in preparazione in Abruzzo, a Firenze e a Napoli

Immagine

Annunci

I popoli Italici protagonisti di un ambizioso progetto di marketing territoriale

Il libro del giornalista Nicola Mastronardi presentato da Manuela Lucchini del TG1,  con gli interventi di Adriano La Regina, presidente INASA, e di Luca Mancini  regista de “La Storia Siamo Noi

Roma e Italia. Due destini che si intrecciano per dare vita alla stessa Nazione. Lunedì 28 gennaio, il Reale Circolo Canottieri Tevere Remo di Roma (Lungotevere in Augusta, 28 – Ore 18.00) in collaborazione con la Presidenza del Consorzio Pro Ofanto, ospita la presentazione del “rivoluzionario” romanzo storico dello scrittore Nicola Mastronardi“Viteliú – Il nome della Libertà” (edito da Itaca Edizioni, in  libreria da dicembre).

Una serata per scoprire gli Italici, i dodici popoli dell’Appennino Centrale che durante quella è stata storicamente definita la Guerra Sociale (dal 91 a. C.), si unirono per difendere diritti e indipendenza di fronte alla cieca prepotenza della fazione conservatrice romana, seguendo il loro anelito di libertà e dando origine alla prima, vera nazione che si chiamò Italia (il termine osco Viteliú la cui pronuncia è “VITELIO” significa “Italia”). Significativa, questa sera (28 gennaio 2013), la presenza di trasmissioni e giornalisti della RAI. A coordinare l’incontro sarà uno dei volti che ha fatto la storia recente del TG1, Manuela Lucchini. Tra i relatori, con l’autore Nicola Mastronardi e il Presidente dell’Istituto Nazionale di Archeologia e Storia dell’Arte di Roma, Adriano La Regina, ci sarà il regista della trasmissione televisiva RAI, “La Storia Siamo Noi”, Luca Mancini. Tra gli altri, hanno annunciato la loro presenza, Gian Piero Orsingher, regista della trasmissione Superquark, l’attrice Daniela Terreri, Rosaria Rumbo, produttore esecutivo di Linea Verde e Laura Aprati, autrice di Uno Mattina RAI.

Il romanzo storico è legato ad un ambizioso progetto di marketing territoriale, elaborato da un gruppo di lavoro, una partnership, fatta di imprenditori e personaggi della cultura molisana, per far riemergere l’identità storica del territorio abruzzese-molisano e farlo conoscere in tutta la penisola. Tra gli sponsors, La Molisana, Sepinia, Cirulli, lo storico caseificio Di Nucci, fornitore del Vaticano, società Sinfonia. Partecipano al progetto anche le istituzioni come la Regione Molise, le Province di Isernia e Campobasso.

Viteliú sabato 26 gennaio alla Libreria Fahrenheit di Termoli

Sabato 26 Gennaio dalle 18.00, la presentazione del romanzo storico di Nicola Mastronardi “Viteliú – Il nome della Libertà”presso la Libreria Fahrenheit

Nell’ ambito del ciclo “Incontri d’autore”, lo scrittore Nicola Mastronardi presenterà il suo libro, “Viteliú – Il nome della Libertà”, Sabato 26 Gennaio alle ore 18.00 (Libreria Fahrenheit, in Via Cina 34, Termoli).
Viteliú, dal termine osco antico e originario della parola latina “Italia”, è un viaggio nel mondo nascosto dei popoli italici. È il primo vero romanzo storico sull’epopea italica a livello nazionale, che rivela al grande pubblico le origini di una nazione e recupera il tassello mancante della storia antica, oscurato dalla cultura generale del Novecento. I protagonisti sono i Sanniti, i Marsi, i Peligni, i Piceni, i valorosi dodici popoli dell’Appennino centrale che si unirono per combattere contro la cieca prepotenza della Roma conservatrice. Edito da Itaca Edizioni, il romanzo storico nasce da un’intensa documentazione dell’autore durata almeno nove anni. Un viaggio entusiasmante tra le valli e i monti dell’Alto Molise, la Marsica, la Conca Peligna, conduce i personaggi principali del romanzo storico, l’embratur sannita Gavio Papio Mutilo e il nipote Marzio, a riscattare la memoria di grandi popoli la cui storia è rimasta perduta nei secoli. Così il lettore prova la sensazione di vivere un’avventura emotiva nella sua terra e nella sua storia, dalla quale si scopre l’essenza dell’identità scomparsa, che torna alla luce.

Partecipa cliccando sull’ EVENTO FACEBOOK

Il Ritorno degli Italici

“Viteliú – Il nome della Libertà”,  un sorprendente romanzo storico d’esordio ,

Lunedì 28 gennaio 2013, al Reale Circolo Canottieri Tevere Remo di Roma

 

Immagine

Il libro del giornalista Nicola Mastronardi presentato da Manuela Lucchini del TG1,  con gli interventi di Adriano La Regina, presidente INASA, e di Luca Mancini  regista de “La Storia Siamo Noi

 

Roma 23, Gennaio. Roma e Italia. Due destini che si intrecciano per dare vita alla stessa Nazione. Lunedì 28 gennaio, il Reale Circolo Canottieri Tevere Remo di Roma (Lungotevere in Augusta, 28 – Ore 18.00) ospita la presentazione del “rivoluzionario” romanzo storico dello scrittore Nicola Mastronardi“Viteliú – Il nome della Libertà” (edito da Itaca Edizioni, in  libreria da dicembre).

Una serata per scoprire gli Italici, i dodici popoli dell’Appennino Centrale che durante quella è stata storicamente definita la Guerra Sociale (dal 91 a. C.), si unirono per difendere diritti e indipendenza di fronte alla cieca prepotenza della fazione conservatrice romana, seguendo il loro anelito di libertà e dando origine alla prima, vera nazione che si chiamò Italia (il termine osco Viteliú la cui pronuncia è “VITELIO” significa “Italia”). Sanniti, Marsi, Piceni, Peligni, Lucani si allearono in una coalizione ed osarono sfidare la resistenza romana a concedere ai popoli Socii la pienezza dei diritti politici ed economici. Ben presto lo scontro per la cittadinanza si trasformò in un conflitto tra i più sanguinosi mai combattuti in tutta la millenaria storia della penisola, ricordata in antichità come “la Grande Guerra”.  I rivoltosi fondarono il proprio stato su base etnica, batterono moneta (per la prima volta incidendo su argento e oro la parola Viteliú –Italia) e cercarono, scendendo in campo con un esercito di centomila uomini, di conquistare l’indipendenza e l’identità cancellata. Tentarono in effetti di sostituirsi a Roma nel dettare i destini della penisola. Uno scontro cruento dal quale la repubblica romana uscì completamente trasformata, dovendo riconoscere agli Italici – venti anni dopo –  onore e virtù, parità di diritti e tutto quanto avevano richiesto prima dello scontro. Da quel momento (69 avanti Cristo) non  fu più solo Roma a conquistare il mondo ma la “Tota Italia” nazione unita e più forte di tutte le nazioni allora esistenti sulla faccia della terra. Gli Italici, da sempre commisti alle origini stesse di Roma attraverso l’etnia sabina, furono in sostanza una delle colonne portanti del costruendo impero.

Per la prima volta protagonista di un romanzo storico, l’epopea italica esce dunque dal buio della storia e tenta di riaffiorare nella cultura generale italiana che ne disconosce miti, leggende e fatti  fondanti della idea stessa di una “Italia” quale entità politico-territoriale unita. Ottocento anni che costituiscono un tassello importante del nostro essere Nazione. 

A coordinare l’incontro il 28 gennaio, ci sarà la giornalista del TG1, Manuela Lucchini. Tra gli ospiti, con l’autore Nicola Mastronardi, il regista della trasmissione televisiva RAI, “La Storia Siamo Noi”, Luca Mancini, e il Presidente dell’Istituto Nazionale di Archeologia e Storia dell’Arte di Roma, Adriano La Regina, il quale ha preparato una relazione dal titolo “Roma e la Prima Italia”. Seguirà un dibattito con lo scrittore e un cocktail-aperitivo.

Il primo romanzo storico sulla dimenticata epopea Italica, alla Libreria Rinascita di Ascoli Piceno

Sabato 19 gennaio 2013, alla scoperta dei Piceni.

Una presentazione esclusiva con un recital spettacolo accompagnato dalla musica originale del pianista Simone Sala.

Sono i popoli Italici i protagonisti del “rivoluzionario” romanzo storico dello scrittore Nicola Mastronardi, “Viteliú – Il nome della Libertà” (edito da Itaca Edizioni e in tutte le librerie dello stivale da dicembre), che sarà presentato con un esclusivo recital-spettacolo sabato 19 gennaio 2013 (ore 18.00) negli spazi della Libreria Rinascita (sala conferenze – Piazza Roma, 7) di Ascoli Piceno. Sono i Sanniti, Marsi, Piceni, Peligni, Lucani e i valorosi dodici popoli dell’Appennino Centrale che, per la prima volta, durante quella è stata storicamente definita la Guerra Sociale, si unirono per difendere la propria indipendenza di fronte alla cieca prepotenza della fazione conservatrice romana, seguendo il loro anelito di libertà e dando origine alla prima nazione che si chiamò Italia. E fu proprio Ascoli Piceno (Asculum) lo scenario in cui nel 91 a. C. la popolazione si ribellò, trucidando tutti i romani presenti in città, e innescando la scintilla della Guerra Sociale. Uno scontro cruento che vide i popoli Italici (Vitelios, termine osco che significa figli del toro) opporsi alla Roma di Crasso e Silla, uniti politicamente sotto un unico nome: Viteliú, il termine osco originario da cui derivò la parola latina Italia.

Un viaggio entusiasmante tra le valli e i monti dell’Alto Molise, la Marsica, la Conca Peligna, gli splendidi paesaggi abitati dai Piceni, conduce i protagonisti del romanzo storico, l’embratur sannita  Gavio Papio Mutilo e il nipote Marzio, a riscattare la memoria di grandi popoli la cui storia è rimasta perduta nei secoli.

Introduce la serata del 19 gennaio nella Libreria Rinascita di Ascoli Piceno, l’assessore Andrea Maria Antonini. La presentazione è a cura dell’archeologo Luca Speranza, che intervisterà l’autore del primo romanzo storico sull’epopea italica, Nicola Mastronardi. Ci sarà anche il Consigliere Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, Vincenzo Cimino. Ma non finisce qui.

Gli attori Giorgio Careccia, Luca Cataldi e Barbara Petti, interpreteranno in un recital i testi salienti del romanzo, accompagnati dalla musica inedita creata ad hoc dal pianista Simone Sala.

 

Queste le date del Tour Viteliú:

12 gennaio 2013, ROMA, Fondazione Venanzio Crocetti, con gli attori Giorgio Careccia, Barbara Petti, Luca Cataldi, il pianista Simone Sala, e il giornalista di Rai Due Amedeo Ricucci

17 gennaio 2013, ROMA, associazione Isernini a Roma

19 gennaio 2013, ASCOLI PICENO, Libreria Rinascita

24 gennaio 2013, AGNONE (IS), serata a cura del Rotary Club

26 gennaio 2013, TERMOLI (CB), Libreria Fahrenheit

28 gennaio 2013, ROMA, Reale Circolo canottieri Tevere Remo, presenta la giornalista del Tg1, Manuela Lucchini, con Luca Mancini, regista de La Storia Siamo Noi.  Relazione storica del Prof. Adriano La Regina.

30 gennaio 2013, Isernia, Aula Magna dell’Università degli Studi del Molise

1 febbraio 2013, Isernia, Biblioteca Comunale Romano, a cura dell’associazione di Archeologia

Dal 6 febbraio 2013, presentazioni nelle librerie della catena Giunti di Marche, Abruzzo e Molise

25 Marzo 2013,  ROMA, ospiti del CAMPIDOGLIO, Fondazione Civita, Piazza Venezia 11. Un’altra data romana sarà in collaborazione con l’associazione Forche Caudine.

Un’altra data romana sarà in collaborazione con l’associazione Forche Caudine.

Altre presentazioni sono in preparazione in Abruzzo, a Firenze e a Napoli.

 

Per addentrarsi nelle intriganti pagine di Viteliú, si può prenotare il romanzo sul sito Internet della casa editrice www.itacaedizioni.it.

Viteliu su Facebook:

www.facebook.com/ViteliuIlNomedellaLiberta

 

Il blog di Viteliu, con uno spazio riservato ai commenti dei lettori:

https://viteliu.wordpress.com/

 OOLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il 19 gennaio Nicola Mastronardi presenta Viteliú alla Libreria Rinascita di Ascoli Piceno

19 gennaio 2013 ore 18.00

Libreria Rinascita – sala conferenze – piazza Roma, 7
Ascoli Piceno

Presentazione del romanzo storico Viteliú. Il nome della libertà

Introduce la serata Andrea Maria Antonini, assessore

Presentazione a cura di Luca Speranza, archeologo, che intervisterà Nicola Mastronardi, autore del libro.

Immagine

Il 12 Gennaio l’evento-spettacolo di Viteliu_Il Nome della Libertà

La prossima tappa del tour Viteliu è a ROMA, il 12 Gennaio, con gli attori Giorgio Careccia, Luca Cataldi e Barbara Petti, e la partecipazione straordinaria del pianista Simone Sala.

Con l’autore, Nicola Mastronardi, presenterà il romanzo storico, il giornalista ed inviato di Rai Due, Amedeo Ricucci.

Clicca qui: